Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

I SOGGETTI PREPOSTI AI CONTROLLI

I controlli fiscali vengono eseguiti, principalmente, dall’Agenzia delle Entrate e dalla Guardia di Finanza.
Le competenze della GdF terminano la conclusione della verifica fiscale; l’emanazione dell’avviso di accertamento, nonché la gestione dell’eventuale contenzioso sono attribuite all’Agenzia delle Entrate.
  
AGENZIA
DELLE ENTRATE
L’Agenzia delle Entrate è strutturata in varie Direzioni provinciali che hanno competenza per l’emanazione degli avvisi di accertamento.
La competenza ad effettuare i controlli spetta alla Direzione provinciale nella cui circoscrizione è il domicilio fiscale del contribuente.
L’attività di controllo sostanziale nei confronti dei contribuenti con volume d’affari non inferiori a 100 milioni di euro è demandata alle “strutture” individuate con regolamento di amministrazione dell’Agenzia delle Entrate.
  
GUARDIA
DI FINANZA
La Guardia di Finanza coopera con gli Uffici delle imposte per l’acquisizione e il reperimento degli elementi utili ai fini dell’accertamento dei redditi e per la repressione delle violazioni delle leggi sulle imposte dirette.
Gli accessi e le verifiche posti in essere dalla Guardia di Finanza non sono soggetti alle limitazioni di competenza territoriale previste per i funzionari dell’Agenzia delle Entrate.
  
PARTECIPAZIONE
DEI COMUNI
ALL’ACCERTAMENTO
Negli ultimi anni è stato previsto un maggiore scambio di informazioni tra Agenzia delle Entrate e Comuni, specie con riferimento all’accertamento sintetico. La partecipazione può essere attuata direttamente dall’ente locale ovvero dalle società incaricate delle attività di supporto ai controlli fiscali sui tributi comunali.
Essa potrà concernere sia i tributi diretti che indiretti, e riguarderà, principalmente, l’economia sommersa e l’evasione immobiliare.
  
MANCATO O
IRREGOLARE
FUNZIONAMENTO
DEGLI UFFICI
In caso di irregolare o mancato funzionamento dell’Ufficio finanziario (straordinari eventi atmosferici, particolari situazioni ambientali, ecc.), è possibile, tramite l’approvazione di un decreto, accertare il mancato o l’irregolare funzionamento degli Uffici tributari.
  
RIFERIMENTIDPR 600/73, art. 31; DL 185/2008, art. 27; DL 78/2010, art. 18.
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Su